Tuesday, 10 April 2018 back

Premio AVUS: cerimonia di conferimento

Il riconoscimento, promosso dall’associazione “Avus 2009”, è stato conferito a Ilaria Capanna, laureata in ingegneria civile con a L'Aquila per la sua tesi: “Risposta sismica di strutture snelle in muratura”.

 

Si è tenuta il 5 aprile a L’Aquila, nell’Auditorium del Castello, la premiazione della migliore tesi sulla prevenzione sismica e resilienza post terremoto. L'Associazione AVUS che ha istituito il premio nel 2014  è costituita da genitori degli universitari periti sotto le macerie i 6 aprile del 2009.

Il premio, giunto quest’anno alla sua V edizione, nasce nel 2014 con lo scopo di onorare la memoria degli studenti universitari vittime del terremoto dell’Aquila. 

“Furono 309 le vittime del sisma, 55 solo tra gli universitari”, ricorda Sergio Bianchi Presidente dell’Associazione Vittime Universitarie Sisma 6 aprile 2009, ideatore dell’iniziativa. “Onorare la loro memoria significa innanzitutto valorizzare e mettere a frutto il patrimonio di conoscenza sulla prevenzione sismica prodotto da giovani laureati, per evitare che tragedie del genere possano ripetersi”.

Anche in questa edizione, l'Associazione AVUS Vittime Universitarie Sisma 6 aprile 2009, è stata affiancata nell'organizzazione del premio dall'Università degli Studi dell'Aquila e dal GSSI - Gran Sasso Science Institute.
Il concorso si è aperto anche a contributi esterni all'ambito della geologia, per abbracciare ingegneria, economia e scienze sociali, come definito dal bando che recita: "Aspetti ingegneristici, sociali ed economici legati alla gestione del rischio sismico e alla resilienza delle popolazioni e dei territori"

La composizione multidisciplinare della commissione giudicatrice – formata dal presidente Agreppino Valente (Presidente della Federazione Regionale degli Ordini degli Ingegneri d’Abruzzo), da Gianluca Ferrini (Professore di Geologia dell’Università degli Studi dell’Aquila) e da Francesco Chiodelli (Ricercatore in urbanistica e politiche urbane presso il GSSI) – ha permesso di analizzare e valutare lavori di tesi provenienti da numerose università italiane e da diversi settori scientifici.