Wednesday, 13 December 2017 back

Due collaborazioni GSSI nella top ten delle scoperte del 2017

In cima alla classifica stilata dalla rivista Physics World, troviamo la prima osservazione della fusione di due stelle di neutroni, registrata sia dai telescopi che con le onde gravitazionali dagli interferometri di LIGO e VIRGO con cui il GSSI collabora. Tra i primi posti anche la scoperta della collaborazione Auger sull'origine dei raggi cosmici. 

Tra le più importanti scoperte nel campo della fisica per l'anno 2017, la rivista incorona la prima osservazione della fusione di due stelle di neutroni, annunciata lo scorso 16 ottobre, che ha aperto le porte alla nuova era dell’astronomia “multimessenger” estendendo notevolmente il nostro modo di studiare il cosmo. La tematica è di primario interesse per il Gran Sasso Science Institute nel cui comitato scientifico è annoverato il Premio Nobel per le onde gravitazionali Barry Barish e dove lavorano molti ricercatori inseriti nelle collaborazioni di LIGO e VIRGO dell’INFN.

Altri nove risultati sono stati inseriti nella Physics World 2017 Breakthrough of the Year e riguardano argomenti che vanno dalla fisica topologica all'egittologia.  Tra questi anche i recenti risultati  sull'origne extragalattica dei raggi cosmici di altissima energia arrivati dall'Osservatorio Pierre Auger in Argentina e pubblicati dal gruppo di ricerca internazionale che vede in prima linea anche scienziati del GSSI, dell'Università dell'Aquila e dei Laboratori INFN del Gran Sasso. 

Tra tutte le ricerche riportate su physicworld.com nel 2017 sono state selezionate le migliori 10 seguendo questi criteri: che siano di fondamentale importanza, che abbiano segnato un progresso significativo nella conoscenza; che presentino una forte connessione tra teoria ed esperimento; siano di interesse generale per tutti la comunità di fisici.


GSSI scientific collaborations in the top ten researchers of 2017

The Physics World 2017 Breakthrough of the Year goes to the international team of astronomers and astrophysicists that made the first ever multimessenger observation involving gravitational waves. Pierre Auger Observatory collaboration for showing that ultra-high-energy cosmic rays is among the top researches of 2017.  Researchers from the Gran Sasso Science Institute collaborated with the international teams involved in both the topics: gravitational vawes and high energy cosmic rays extragalactic origin.  Nine other achievements are highly commended and cover topics ranging from topological physics to Egyptology and more. Further, the 2017 Nobel Prize for the detection of gravitational waves, Barry Barish, is in the GSSI scientific committee. 

The Physics World top 10 breakthroughs of 2017 are awarded to research reported on physicworld.com in 2017. The 10 breakthroughs are chosen by Physics World editors from a shortlist based on popularity with our readers. The criteria for judging included: fundamental importance of research; significant advance in knowledge; strong connection between theory and experiment; and general interest to all physicists.

 

More about the GSSI contributions:

Età dell'oro per la fisica: stelle di neutroni, onde gravitazionali, raggi gamma

Ricercatori del GSSI nella scoperta sull'origine dei raggi cosmici

Nobel Onde Gravitazionali: successo per L'Aquila e il GSSI